Progetti e retroscena

Galleria di base del Lötschberg: la NFTA unisce l’Europa

La galleria di base del Lötschberg è il cuore dell’infrastruttura BLS. Si tratta di una delle gallerie ferroviarie più moderne, sicure e tecnicamente più complesse al mondo. Insieme alla galleria di base del San Gottardo e alla galleria di base del Monte Ceneri (ancora in costruzione) è uno dei tratti più importanti della NFTA, la nuova ferrovia transalpina.

Dalla sua messa in servizio nel 2007, la galleria di base del Lötschberg è un elemento imprescindibile nel panorama svizzero dei trasporti. Pendolari che dal Vallese viaggiano in direzione di Berna, vacanzieri che dalla Svizzera tedesca raggiungono le montagne del Vallese e viaggiatori diretti in Italia settentrionale per affari: la galleria accorcia il viaggio di tutti questi utenti. Anche le merci viaggiano giorno e notte sulla tratta del Lötschberg chiamata Corridoio Reno–Alpi. 

 Cifre principali

  • 314'814 treni sono transitati nella galleria di base già durante i primi dieci anni d’esercizio.
  • 50 treni passeggeri e fino a 60 treni merci percorrono la galleria di base ogni giorno, sfruttandola in media all’80%, con picchi del 100% in alcuni giorni.
  • 34,6 chilometri è la lunghezza della galleria di base. Di questi però, solo 14 chilometri sono attualmente a doppio binario. Una parte della canna occidentale è ancora in costruzione, un’altra deve essere ancora scavata. 

BLS vuole sviluppare ulteriormente la galleria di base 

 La galleria di base del Lötschberg è oggi sfruttata al massimo delle sue capacità. I motivi sono, da un lato, la rapida crescita del trasporto di viaggiatori e merci, dall’altro, la capacità limitata dovuta al lungo tratto a binario unico. Questo tratto di 21 chilometri ostacola l’espansione del trasporto di viaggiatori e merci, limita la libertà d’azione nell’organizzazione dell’orario ferroviario e comporta alti costi d’esercizio. La realizzazione del doppio binario è pertanto assolutamente necessaria.

Vantaggi di un completamento della galleria

  • Questo permette di offrire viaggi ogni mezz’ora in direzione del Vallese e la necessaria stabilità e flessibilità d’orario sulla rete ferroviaria svizzera.
  • Riduce i costi di produzione nel trasporto merci, perché i treni non dovranno più circolare su tratte montane notevolmente più lunghe, come accade oggi. In questo modo la competitività della ferrovia rispetto alla strada si rafforza, centrando gli obiettivi di trasferimento.
  • L’area alpina resta topograficamente complessa. È importante disporre di possibilità alternative. Le tratte del Lötschberg e del San Gottardo si integrano perciò vicendevolmente.
  • La manutenzione e gli interventi in caso di eventi si semplificano.
  • Le tratte montane vengono usate meno dal trasporto merci. La regione si rivaluta per il turismo. 

0 Documenti multimediali
    Centro visitatori
    Nothaltestelle Ferden
    Visita guidata alla galleria di base del Lötschberg
    Visita
    Centro visitatori
    Interventionszentrum Frutigen
    Gruppenführung Interventionszentrum
    Besuchen
    Centro visitatori
    Nothaltestelle Ferden
    Visita guidata alla fermata di emergenza di Ferden
    Visita
    Centro visitatori
    Erhaltungszentrum Frutigen
    Gruppenführung Erhaltungszentrum
    Besuchen
    Newsletter